|

menu click
Ricerca

Sindrome del tunner carpale

Quando il paziente è affetto da sindrome del tunnel carpale, usualmente si avvertono delle parestesie (formicolio, dolore, intorpidimento) nelle prime 3 dita della mano ed in metà del 4° dito (vedi prima figura). Il disturbo può essere molto fastidioso , interessa soprattutto le donne e tende a risvegliare le pazienti durante il sonno. Si verifica di solito dopo la menopausa a causa dell'accumulo di liquidi che in questo periodo della vita può colpire le pazienti.

Un aiuto può essere dato dalle manovre che il paziente può effettuare per decomprimere il nervo, come pure dall'evitare procedure che peggiorano la situazione. I lavori in cui il tallone della mano viene compresso sono da evitare, come pure l'uso di strumenti vibranti, trapani e simili.

A volte occorre arrivare all'intervento per decomprimere il nervo mediano che si trova schiacciato fra delle pareti ossee e il robusto legamento trasverso del carpo. L'infiltrazione di cortisone può essere di aiuto per alcuni mesi, ma può essere non risolutiva. Anche le terapie fisiche possono essere di aiuto ma spesso la malattia recidiva. La proloterapia può essere tentata per migliorare la forma e la stabilità del polso.

Si può comprimere le ossa carpali (vedi figura in basso) in modo  da concedere maggior spazio al nervo come pure eseguire dei lenti movimenti di flesso estensione del polso.